Bibliobox: valorizzare i materiali di Pubblico Dominio in biblioteca

Riprendo e traduco un recente post di Thomas Fourmeux pubblicato sul blog Biblio Numericus.

Le riflessioni dell’autore si basano sull’esperienza reale delle biblioteche di Aulnay-sous-Bois che da quasi due anni utilizzano le PirateBox/BiblioBox  come strumenti di mediazione digitale.

 

Due avvenimenti organizzati nel mese di luglio mi danno lo spunto per scrivere questo post: il PirateBoxCamp e il PublicDomainMonth.

Ho scritto a più riprese sulla Bibliobox sia su questo blog che sul sito BiblioBox.net.

Io sono convinto dei vantaggi che questo tipo di dispositivo di mediazione digitale offre a una biblioteca, ma ecco un altro post per chi ancora ne dubitasse.

Qual è il vantaggio di proporre agli utenti quello che già possono trovare su Internet?”

L’installazione di una BiblioBox da sola non basta. Ha bisogno di un importante lavoro di mediazione perché gli utenti delle biblioteche si impadroniscano delle risorse messe a loro disposizione. Ho avuto più volte occasione d’intervenire per presentare la BiblioBox e il suo utilizzo in biblioteca, spesso mi sono stati sottolineati i limiti di questo dispositivo, in particolare per quello che riguarda i contenuti. Gli utenti della biblioteca possono trovare su Internet i contenuti che gli vengono proposti. Si pone dunque il problema dei vantaggi di avere una BiblioBox in biblioteca. Capisco questa osservazione a cui si può rispondere in tre tempi. Da una parte questo ragionamento si applica anche ai beni fisici. Noi offriamo dei documenti che gli utenti del resto possono acquistare andando ad esempio in libreria o in qualsiasi negozio della grande distribuzione culturale. L’obiettivo della BiblioBox non è quello di proporre dei contenuti esclusivi, ma di valorizzare quelli che esistono! D’altra parte non è scontato che i nostri utenti conoscano l’esistenza di queste risorse. E anche se le conoscessero, non è detto che sappiano dove trovarle. Noi svolgiamo il nostro ruolo di facilitatori nell’accesso a queste risorse. Infine, per i bibliotecari si tratta di un mezzo per prendere posizione in quanto attori impegnati nella questione dei beni comuni della conoscenza.

La riuscita (o il fallimento) di questo progetto si basa su diversi fattori su cui noi non abbiamo sempre presa. Per esempio se si installa una BiblioBox in un territorio in cui le persone sono poco equipaggiate di apparecchi elettronici (smartphone, tablet o computer portatili) questo costituisce un freno per la riuscita del progetto. Al contrario, per esperienza, so che le modalità con cui le risorse vengono proposte influisce sulla capacità e sulla voglia di appropriarsene da parte degli utenti. In effetti è sconsigliato basarsi unicamente sulla quantità e proporre il maggior numero possibile di risorse. La quantità danneggia la leggibilità e la pertinenza delle opere scelte. Se proponiamo il pacchetto Bibebook di 1400 titoli (in francese) rischiamo di far scappare i nostri utenti. La selezione è la chiave del successo. Tanto più che l’interfaccia della BiblioBox non è ancora l’ideale anche se ci sono dei miglioramenti in corso. Qual è il valore aggiunto del bibliotecario nel proporre un pacchetto senza nessuna contestualizzazione? E’ come lasciar fare tutto il lavoro alla serendipità.

Contestualizzare e tematizzare

L’obiettivo è arrivare a contestualizzare e a tematizzare i contenuti che proponiamo attraverso la BiblioBox. Per fare questo abbiamo diverse possibilità. Non dobbiamo esitare nell’utilizzare l’attualità culturale locale, nazionale o internazionale. Il Ministère de la Culture et de la Communication realizza ogni anno un documento che elenca i maggiori eventi culturali ( Giornate europee del patrimonio, Centenario della prima guerra mondiale, festival della musica…). Occorre approfittare di queste occasioni che concentrano l’attenzione delle persone su una tematica specifica. Al di fuori della Primavera dei poeti, forse gli utenti non si sarebbero interessati alla poesia, ma questo evento culturale potrebbe essere l’occasione per fargli venire voglia di provare. Perciò si approfitta di questa attenzione per proporre agli utenti dei contenuti specifici. In questo modo vengono messe in evidenza le competenze di mediazione del bibliotecario e la sua capacità di mettere in relazione i contenuti e le persone.

Al di là dell’economia dell’attenzione, esistono altri metodi per contestualizzare le risorse della BiblioBox. Uno di questi è stato utilizzato da Feedbooks (una libreria digitale che presenta ebook in diverse lingue). L’equipe di Feedbook ha valorizzato i libri di Zola attraverso una mappa di Parigi che presenta i quartieri citati nelle sue opere.

Mappa di Parigi nelle opere di Zola

Visualizza la mappa Le Paris de Zola

Inoltre ha creato attraverso TimeMapper, uno strumento sviluppato dall’ Open Knowledge Foundation, una linea del tempo che presenta i principali avvenimenti del ciclo di romanzi dei Rougon-Macquart

Io trovo questi due strumenti piuttosto interessanti e affascinanti. Grazie a questa valorizzazione gli utenti avranno sicuramente più voglia di interessarsi ai Rougon-Macquart o a qualsiasi altra opera. In ogni caso è questa la scommessa che faccio. Si potrebbero utilizzare e inserire in una BiblioBox (o sul sito principale della biblioteca) al’interno di una selezione tematica. Per il momento c’è ancora un problema: bisogna riuscire a inserire una mappa con i marcatori in modalità offline. Ma per superare questo limite possiamo contare sulla comunità che si è sviluppata attorno alla PirateBox/BiblioBox.

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...